Premiati con il Nobel gli osservatori delle onde gravitazionali

0
476
alt=

Senza alcun dubbio viene premiata, con pieno merito, la scoperta del nostro secolo: le onde gravitazionali. Martedì mattina gli americani Kip Thorne (77 anni) del California Institute of Technology (consulente scientifico del film Interstellar) Rainer Weiss (85 anni) del Massachusetts Institute of Technology e Barry Barish (81 anni), sono stati premiati per il loro apporto fondamentale nella rilevazione dei movimenti con il rilevatore Ligo. Questo perchè il Nobel può essere assegnato soltanto a singoli individui e non ad istitituti nazionali o internazionali di ricerca, ma è chiaro che, alla scoperta, ha contribuito la scienza globale, dato che sono ben 1500 gli scienziati che hanno lavorato in Ligo e Virgo, duecento dei quali sono italiani.

Ma cosa sono le onde gravitazionali? Si tratta della conferma della teoria della relatività generale di Einstein! Vibrazioni provocate da fortissimi eventi nell'universo, come ad esempio collisioni di buchi neri, che generano una distorsione dello spazio-tempo. Sono quindi gli oggetti all'interno dell'universo, con la loro forza di gravità, a deformare le tre dimensioni spaziali e la quarta temporale. Le osservazioni sono servite anche a dimostrare l'esistenza dei buchi neri e le modalità della loro formazione.