Il giorno 9 marzo si è svolta la riunione del Dipartimento di Storia, Patrimonio, Formazione e Società (SPFS) afferente alla Macroarea di Lettere e Filosofia. Ecco i punti salienti dibattuti e le decisioni prese!

Anche questa volta la nostra Ludovica Barrilli, in veste di unica rappresentante degli studenti a presenziare e il cui intervento è stato determinante nell'economia dei provvedimenti adottati di concerto, ci ha aggiornati sugli argomenti trattati in tale sede e sugli obiettivi che lo stesso Dipartimento, unitamente all'ALEF (Dipartimento di Studi letterari, filosofici e storia dell'arte), intende perseguire a partire dal semestre in corso.

La didattica

Dall'estratto del Senato Accademico straordinario (relativo alla seduta del 26 febbraio 2021), incentrato sulla definizione di un piano di organizzazione della didattica e delle attività curriculari del II semestre 2020/21, si apprende che le attività formative riprenderanno in presenza, rendendo comunque possibile la fruizione da remoto. Non diversamente, i docenti della Macroarea di Lettere e Filosofia hanno mostrato la viva intenzione di tornare in sede: per consentire un'organizzazione coerente in merito al da farsi, si sta pensando di ripartire probabilmente a primavera inoltrata, allo scoccare del "secondo modulo" dei corsi.

Gli esami e le discussioni delle tesi di laurea sono confermate in modalità "a distanza" per il mese di marzo 2021. Successivamente, gli esami di profitto potranno essere svolti in presenza, ma sarà altresì previsto anche un appello "online" (utilizzabile solo in caso di comprovata impossibilità di parteciparvi di persona). Si precisa che, nella specificità dell'ultimo caso menzionato, è saldo intento il non gravare ulteriormente sulla condizione già pregiudicata di tutti coloro i quali hanno risentito negativamente della corrente situazione emergenziale. Sarà, pertanto, offerto pieno accoglimento e disponibilità nei riguardi dei casi summenzionati da parte del corpo docente.

alt="lettere-e-filosofia"

Le novità sulla cautelativa e le relative tasse

La proroga al 15 giugno dell'A.A. 2019/20 è un dato di fatto su scala nazionale. Di conseguenza, si pospongono le sedute di laurea, di norma previste per il mese di maggio, nel periodo che intercorre tra l'1 e il 15 giugno. Questa seduta straordinaria è aperta agli studenti in cautelativa sull'A. A. 2019/20 e agli iscritti all'A.A. 2020/21 che abbiano già terminato tutti gli esami nel 2019/20 e non abbiano alcun esame sostenuto nel 2020/21: per costoro è prevista la restituzione delle tasse già pagate per il 2020/21 e la cancellazione dell'iscrizione, con il conseguente collocamento in cautelativa per l'A.A. 2019/20.

Per quanto concerne l'occasione di svolgere l'ultimo esame della carriera nella sessione straordinaria (possibilità già contemplata dall'iscrizione in cautelativa a Lettere e Filosofia), cambierà qualcosa: si sta lavorando sull'agevolare ulteriormente gli studenti la cui attività sia stata rallentata dall'emergenza, implementando i benefici tuttora previsti. L'appello straordinario destinato ai laureandi di giugno 2021, da quanto si evince dal suddetto estratto del Senato, sarà calendarizzato tra il mese di aprile e quello di maggio. Forniremo i dettagli non appena il Dipartimento avrà definito il "come".

Infine, nell'ottica di coadiuvare la Segreteria Studenti nella gestione della consistente mole di lavoro, si è pensato di coinvolgere maggiormente i docenti nell'organizzazione degli appelli per la stessa cautelativa: se prima gli studenti avevano il compito di prenotare l'appello stesso con l'ausilio della Segreteria, da ora saranno gli insegnanti ad aprirlo mediante il Delphi.

Messaggi di vicinanza e solidarietà rivolti all'intera comunità universitaria dal Magnifico Rettore si congiungono a quelli dei nostri professori, coinvolti in una intensa campagna di vaccinazione, purtroppo non scevra di rallentamenti.

Ci auguriamo, di tutto cuore, che le cose continuino a muoversi.