Il sesso rappresenta un fattore specifico di risposta farmacologica

L'Università Roma "Tor Vergata", insieme al Progetto europeo H2020 "STARBIOS2", l'Associazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico e l'Associazione Italiana Donne Medico, hanno organizzato l'incontro "Gender Medicines in Hematology: Common Sides?", due giornate dedicate alla Medicina di Genere in Ematologia.


Oggetto di studio affrontato durante il convegno, tenutosi nell’Auditorium "Ennio Morricone" della Macroarea di Lettere e Filosofia, Università Roma "Tor Vergata" durante il 12 e 13 dicembre, ha voluto evidenziare il ruolo della differenza di genere nello sviluppo delle malattie ematologiche in relazione a incidenza, prognosi e risposta alla terapia, interesse verso l’argomento nato dalle osservazioni di maggiore incidenza e di prognosi peggiori delle malattie ematologiche negli uomini che nelle donne, soprattutto in età fertile.


«Alla base dello sviluppo della neoplasia e della sua progressione interverrebbero, tra gli altri, meccanismi correlati al genere quali espressione di retrovirus endogeni, livelli degli ormoni sessuali, risposta ad essi dei recettori ormonali e vitamine genere-relate», hanno spiegato le organizzatrici del convegno Dr.sse Maria Morello, Maria Ilaria Del Principe e Claudia Matteucci ricercatrici in Biochimica Clinica, Ematologia e Microbiologia del nostro Ateneo.

Dall'incontro è emerso che una maggior conoscenza dei meccanismi patogenetici alla base delle differenze di genere è necessaria per “individualizzare” la cura e aumentare le percentuali di successo, tenuto conto che il sesso rappresenta anche un fattore specifico di risposta farmacologica.
«Nell’ attuale era di innovazione farmacologica è utile che l’uso dei farmaci sia personalizzato per migliorare i risultati e ridurre la tossicità».

Articolo proveniente dall’Ufficio Stampa di Ateneo.