Il giorno 22 luglio si è svolta un'importante riunione del Dipartimento di Storia, Patrimonio, Formazione e Società afferente alla Macroarea di Lettere e Filosofia. Facciamo il punto della situazione!

Numerosi i punti dibattuti e le iniziative ventilate: la nostra rappresentante Ludovica Barrilli, unica studentessa presente, ha sottolineato il particolare entusiasmo profuso dai docenti nell'ottica di una ripartenza effettiva, a cominciare dalla salda cooperazione tra il Dipartimento SPFS e il Dipartimento di Studi letterari, Filosofici e Storia dell'arte.

1° settembre: il primo passo

Ad assicurare il rientro presso tutte le Macroaree della nostra Università, perlomeno per ciò che riguarderà, in primis, le sedute di laurea e gli esami di profitto, è lo stesso Rettore. Si è parlato del primo giorno di settembre come data di partenza della graduale riaperura della nostra Università.

Ecco le novità

  • "No tax area" e agevolazioni: come annunciato sul sito d'Ateneo, la "no tax area" è stata estesa sino ad un valore isee di 26.000 euro, a fronte dei 20.000 precedenti. In aggiunta, gli studenti legati ad un nucleo familiare con redditi fino a 30.000 euro potranno accedere ad un esonero parziale del contributo annuale. Queste misure fanno di Tor Vergata una vera pioniera tra le università romane per agevolazioni concesse agli studenti.
  • Le matricole: si mira a garantire ai nuovi iscritti un'esperienza universitaria quanto più completa possibile. Di conseguenza, sarà organizzata una settimana di orientamento a loro interamente dedicata, verosimilmente prima dell'inizio delle lezioni. Al medesimo intento è da ascrivere la concessione ai suddetti della priorità nell'ingresso nelle aule. Ricordiamo, infine, che, l’Università ha previsto la partecipazione gratuita ai test di ammissione e valutazione per i corsi di studio per l’a.a. 2020/2021 mediante la piattaforma d'Ateneo.

Un focus sulla Macroarea di Lettere e Filosofia

È stata costituita una Commissione didattica d'emergenza: guidata dalla professoressa Serena Facci, è il frutto della collaborazione tra gli insegnanti, gli Organi Centrali e i rappresentanti degli studenti. Il compito principale della Commissione è approntare misure ad hoc per un rientro sicuro, "gerarchizzando" i corsi, ossia decretando la preminenza di alcuni rispetto ad altri, puntando ad un'equa ripartizione giornaliera tra lezioni online e lezioni in presenza: ciò consentirà la necessaria sanificazione degli ambienti, evitando la creazione di assembramenti. Non a caso, secondo i calcoli predisposti, le aule saranno in grado ospitare uno studente ogni quattro posti a sedere. Inoltre, come accennato, la priorità nel ritorno cadrà, oltre che sulle matricole triennali, anche sugli iscritti ai corsi magistrali, visto il numero più esiguo.

Si punta al ripristino dei laboratori e delle uscite didattiche, come dell'attività del bar, già dall'inizio di settembre.

Tutto quanto in ottemperanza alle misure anti-Covid: attualmente si stanno approntando dei sistemi di igienizzazione che saranno ultimati a fine agosto, insieme ad un sistema di conteggio degli ingressi e delle uscite. In aggiunta, è previsto un modello di informatizzazione delle aule per cui ciascuna di esse verrà dotata di telecamere e impianti audio compatibili con l'erogazione della didattica mista.