Ministero della Giustizia, nuovi concorsi per 265 posti

0
303
alt=

Sono due i bandi di concorso indetti dal Ministero della Giustizia funzionali ad assumere duecentosessantacinque funzionari così distribuiti: 15 posti per funzionari mediatori culturali e 250 posti per funzionari assistenti sociali.

Le domande dovranno essere inviate dal 10 febbraio al 12 marzo 2018, esclusivamente attraverso le modalità online descritte sul sito del Ministero. Qualora negli ultimi tre giorni di presentazione della domanda il sistema informatico dovesse essere fuori uso, sarà possibile inoltrare la propria domanda mediante lettera raccomandata o attraverso la posta elettronica, agli indirizzi comunicati sui bandi dei concorsi in questione.

Requisiti e modalità di partecipazione

Potranno partecipare alla selezione tutti i soggetti interessati che siano in possesso di determinati requisiti, quali:

essere cittadini italiani;
godere dei diritti civili e politici;
essere fisicamente idonei a svolgere l'impiego;
possedere i requisiti morali e di condotta previsti dall'art. 35 del decreto legislativo 65 del 2001.

Non saranno ammessi a partecipare tutti i candidati che, a seguito di un procedimento disciplinare, sono stati destituiti o licenziati; coloro che sono stati dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione a causa di uno scarso rendimento; coloro che, dopo aver ottenuto l'impiego attraverso la presentazione di documenti falsi, sono decaduti dall'impiego stesso.

I requisiti richiesti, che l'amministrazione provvederà ad accertare, devono essere posseduti dal candidato entro il termine previsto per la presentazione della domanda.

Un requisito fondamentale per poter partecipare alla selezione è il titolo di studio; è richiesto infatti:

diploma di laurea triennale, magistrale, specialistica in mediazione linguistica, scienze politiche, scienze sociali, lingue, scienze della comunicazione e giurisprudenza per concorrere alla selezione di 15 mediatori culturali;

diploma di laurea triennale, magistrale o titolo equivalente in scienze del servizio sociale, abilitazione all'esercizio della professione di assistente sociale e iscrizione all'apposito albo, per poter concorrere alla selezione di 250 funzionari di servizio sociale.

Per entrambi i concorsi sono previste due prove, una scritta e l'altra orale, nonchè un'eventuale prova preselettiva qualora le domande presentate dovessero essere più di mille.

Per avere maggiori informazioni riguardo i requisiti e le modalità di partecipazione, si consiglia di consultare i testi dei due bandi reperibili sul sito del Ministero della Giustizia.

https://www.ripetizionicorsi.it/