Black Friday, le origini del fenomeno in continua crescita

0
201

L’aggettivo “black” è tradizionalmente legato ad un evento catastrofico o ad una calamità naturale. Nel corso della storia americana vi sono stati diversi Black Friday, dal venerdì nero per la borsa americana nel 1869, al black friday del novembre 1951 durante il quale moltissimi lavoratori si dichiararono malati per godersi un giorno in più di ferie.

Nel 1975 il New York Times iniziò ad usare il termine per indicare il giorno più trafficato dell’anno, durante il quale si iniziavano a fare gli acquisti per natale. Col passare del tempo il termine “Black Friday” è passato dall’essere foriero di sventura all’indicare un giorno di spese folli. Oggi è diventato il frutto di un processo di “neurovendita”. L’alzataccia e le sgomitate nei negozi giustificherebbero la voglia di accaparrarsi l’offerta migliore, la quale, in teoria, contribuirebbe al nostro senso di appagamento, alla nostra autostima e di conseguenza alla nostra propensione a spendere di più.

Nonostante la ormai crescente tendenza a sfruttare gli sconti stagionali che perdurano nel corso dell’anno, i numeri del Black Friday 2017 negli Stati Uniti sono da capogiro, con un incremento delle vendite del 4% rispetto al 2016. L’Italia ha, nel corso degli anni, fatto sempre più sua questa tradizione, arrivando a spendere nei quattro giorni che intercorrono tra il Black Friday e il Cyber Monday circa 800 milioni di euro per le sole transazioni online. Tra il 2014 e il 2016 le vendite sono aumentate di circa 10 volte!! Protagonista assoluta dell’evento rimane Amazon, seguito da Ebay, ma in forte ascesa ci sono anche le nuove piattaforme di vendita cinesi come Aliexpress o Gearbest, le quali quest’anno hanno iniziato a pubblicare offerte fin dai primi giorni di novembre. Il Black Friday sta diventando un fenomeno sempre meno limitato al solo venerdì e allargato anche ai giorni limitrofi.

I giorni delle “spese pazze” aumentano sempre di più,. ma come vanno interpretati questi dati? Come un primo segno di superamento della crisi economica? Non c’è una risposta definitiva ma quel che è certo è che i commercianti stanno dimostrando di riuscire a sfruttare al meglio questo fenomeno di massa.