Se non ci fosse stata una settimana come questa avrebbero dovuto inventarla, non tanto per la gran quantità di fatti avvenuti ma per come sono avvenuti del tipo: "Roma, uomo cade in una buca mentre scappa da autobus in fiamme che sostituiva la metro rotta".

Scherzi a parte, vediamo ora quali sono i fatti più rilevanti della settimana appena trascorsa.

TorverPills: Scivolone D&G in Cina, UE apre a procedura contro l'Italia -  UnInFormazione - UIF Tor Vergata

#COVID: beati i sardi

Non è bastato l'ultimo DPCM per rendere più tranquilla la situazione epidemiologica nel nostro paese: sono ancora in aumento i dati dei positivi giornalieri al Coronavirus e l'indice RT ha superato l'1% in tutte le regioni ad eccezione della Sardegna.

Data la situazione, era inevitabile prendere provvedimenti per nuove restrizioni. Così, oggi, l'entrata in vigore delle nuove zone è accompagnata da un nuovo Decreto Legge che ci scorterà fino a dopo le vacanze di Pasqua.

alt="lockdown-2020-e-2021"
Fonte: Twitter

In cosa consiste il Decreto

Le nuove restrizioni si basano su zone rosse nel fine settimana e accantonamento della zona gialla. Zona rossa anche durante le festività di Pasqua, didattica a distanza e stop a spostamenti per visite ad amici e parenti, se non per una volta al giorno e per un massimo di due persone esclusi i minori di 14 anni (in zona arancione). La zona rossa scatterà automaticamente al raggiungimento di 250 positivi ogni 100 mila abitanti.

Comunque, siamo tutti arancioni o rossi in questa settimana, tranne la Sardegna che è bianca. Ecco la mappa:

alt="nuove-zone-arancioni-rosse-Sardegna"

Panico per il vaccino

Dato che questa settimana non potevamo farci mancare proprio niente, anche il vaccino AstraZeneca ha deciso di fare tanti scherzi. Non solo in Italia ma un po' dappertutto, è stata fermata la distribuzione di un lotto della fornitura a seguito di alcuni casi di morti sospette per trombosi. L'azienda ha rassicurato che, per quanto riguarda i numeri dei coinvolti, questi non sono rilevanti rispetto ai casi generali. Ma le rassicurazioni sono servite ben poco. Già a febbraio, la somministrazione di AstraZeneca era stata fermata in Sud Africa perché non aveva effetto sulla loro variante.

alt="stabilimento-AstraZeneca"

Una nota positiva c'è però: è stato approvato dall'AIFA il vaccino Johnson & Johnson che, a differenza degli altri, non richiede un richiamo per la somministrazione.

alt="Agenzia italiana del farmaco"
Sede AIFA

#Politica: Letta stai sereno

Alle primarie PD del 2018 si era candidato un certo Dario Corallo, prese il 3% dei voti al primo turno ma, dopo tre anni, si è dimostrato un mezzo profeta. Perché? Nel suo intervento all'Assemblea Nazionale in cui annunciava la sua candidatura disse: "Stiamo per eleggere il prossimo ex segretario". Con Zingaretti è andata proprio così, dopo una settimana di scontri per chi vuole il congresso e chi no.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, secondo alcuni opinionisti, sarebbe stata il sondaggio del TG di La7 che dava il Partito Democratico quarto partito, scavalcato da Fratelli d'Italia e Movimento 5 Stelle che, con una probabile guida dell'ex Premier Giuseppe Conte, è tornato secondo partito.

A prendere il posto di Zingaretti sarà l'ex Premier Enrico Letta che, dopo essere stato scaricato nel 2013 dallo stesso partito in favore di Matteo Renzi, ha accettato la candidatura come nuovo segretario, poi votata all'Assemblea Nazionale.

#Esteri: turbolenze in Regno Unito e Francia

Mentre nel Regno Unito la famiglia reale è stata messa in imbarazzo dopo le accuse di razzismo rivolte da Meghan in un'intervista negli USA, in Francia si litiga per Napoleone e il 5 maggio (la poesia di Manzoni ci riporta a quello del 1821, anno della morte dell'imperatore francese). Quest'anno ricorre il bicentenario della sua dipartita e, ad Ajaccio, in Corsica, sono previste delle commemorazioni per tale ricorrenza.

alt="Napoleone-Bonaparte"
Napoleone

Il Presidente Macron ha fatto sapere che parteciperà a quest'evento in quanto una delle figure più importanti della storia. Ciò ha fatto scoppiare delle polemiche anche da parte del Governo. La Ministra per le pari opportunità, ad esempio, l'ha presa così bene che ha etichettato l'imperatore come un misogino che ha ripristinato la schiavitù.